Spray Ritardante: Funziona per l’eiaculazione precoce?

spray ritardante

L’eiaculazione precoce è una condizione piuttosto diffusa fra i maschi italiani ( leggi anche il nostro articolo in cui elenchiamo tutti i rimedi per l’eiaculaizone precoce). Dunque non stupisce che molti uomini cerchino quotidianamente delle soluzioni per contrastare o porre rimedio in modo definitivo a questa problematica.

Ecco che lo spray ritardante rappresenta uno dei prodotti più “cliccati” su Internet: è un metodo che ha una sua logica di fondo, oppure non è una soluzione che può dimostrarsi efficace per combattere la precocità nell’eiaculare lo sperma? Cerchiamo di comprendere se lo spray ritardante funziona per l’eiaculazione precoce.

E, nel caso la risposta fosse positiva, secondo quali meccaniche può risultare utile in queste casistiche.

Cos’è lo spray ritardante per l’eiaculazione precoce?

Lo spray ritardante è un prodotto che, tramite la vaporizzazione di certe sostanze (naturali o meno), agisce sui nervi del pene attraverso l’assorbimento topico che avviene per via trans-cutanea.

In termini più semplici, questo prodotto – così come tutti gli altri palliativi ritardanti – anestetizza le terminazioni nervose che si trovano sul glande, diminuendo il carico di sensazioni fisiche registrate dal membro durante lo sfregamento nell’atto sessuale.

Riducendosi queste sensazioni, la teoria alla base dei suddetti spray prevede che l’orgasmo venga ritardato di diversi minuti. La motivazione sta nel fatto che il cervello recepisce meno stimoli del normale, quindi tende a incentivare più lentamente l’orgasmo e di conseguenza l’espulsione dello sperma non avviene nell’immediato.

Ovvero il problema che sta alla base degli uomini che soffrono di eiaculatio precox.

Come agisce?

Il funzionamento dello spray ritardante è fondato sul concetto di anestesia, dunque è abbastanza semplice da capire: ognuna delle sostanze contenute all’interno di questo prodotto, ha lo scopo di intorpidire i nervi del glande e dell’albero del pene. Essendo meno recettivi del normale, i suddetti nervi registrano meno stimolazioni sessuali e dunque tendono ad allontanare il riflesso dell’orgasmo. Questo è il funzionamento che potremmo definire meccanico.

Ad un livello prettamente pratico, invece, la maggior parte degli spray ritardanti va spruzzata sul pene dalle 2 alle 5 volte, e circa 10 minuti prima del rapporto sessuale.

Questo è il tempo/quantità che le sostanze in questione richiedono per poter agire con profitto sulle terminazioni nervose del pene. Poi, a seconda del prodotto, in alcuni casi può essere richiesto di massaggiare il membro: in altri casi, invece, l’assorbimento trans-cutaneo è immediato e non richiede nessun intervento ulteriore.

Lo spray ritardante funziona per l’eiaculazione precoce?

Lo spray ritardante funziona e dunque aiuta a contrastare l’eiaculazione precoce. Il motivo è appunto meccanico: intorpidendo i nervi del glande e del resto del pene, il riflesso eiaculatorio giunge con maggiore difficoltà o lentezza.

Ma è un palliativo temporaneo: ciò significa che non guarisce da questa condizione, ma semplicemente la blocca per un quantitativo variabile di minuti. In realtà non è affatto scontato che ogni prodotto di questa categoria sia egualmente efficace: tutto dipende dalle sostanze che contiene. Lo stesso discorso, naturalmente, va fatto sia per le creme e i gel ritardanti, sia per i preservativi dello stesso tipo.

E per quanto concerne le sostanze, bisogna fare una ulteriore specifica: vanno divise in naturali e in farmacologiche. È una distinzione importante, perché da essa derivano pro e contro di questi spray ritardanti.

Cosa contiene?

Sostanze anestetizzanti di origine farmacologica come la lidocaina possono dimostrarsi eccessivamente forti, dunque anestetizzare del tutto i nervi del pene.

Questo da un lato risolverebbe (sempre momentaneamente) la questione dell’eiaculazione precoce, ma dall’altro rovinerebbe del tutto l’esperienza sessuale ed il piacere ad essa collegato: inoltre, il crollo della libido potrebbe anche causare la perdita dell’erezione, data l’assenza di stimoli fisici e mentali.

Altri elementi farmacologici come la benzocaina sono più blandi: ergo sono una buona via di mezzo per ritardare il riflesso eiaculatorio, senza rinunciare al godimento dell’atto sessuale.

A patto che la benzocaina sia presente in percentuali molto basse. Infine, esistono anche diverse sostanze naturali ed estratti di piante che funzionano come leggeri anestetizzanti o intorpidenti naturali. E che – salvo allergie – non presentano rischi. In conclusione, vantaggi e svantaggi degli spray ritardanti dipendono sempre e comunque dalle sostanze in essi contenute.

Quali Spray ritardanti abbiamo testato?

Al momento i più utilizzati spray ritardanti per eiaculazione precoce sono il ViGrx Spray  e il Viaman spray

vigrx ritardante eiaculazione

 

spray ritardante viaman