Farmaci Per Disfunzione Erettile

Farmaci Per Disfunzione Erettile

Farmaci Per Disfunzione Erettile

Ti è capitato di vedere su Internet o in TV una pubblicità sui farmaci per curare l’impotenza? In questo momento i suddetti prodotti stanno avendo un grande successo in termini promozionali, al punto che se ne parla ovunque.

La ragione è dovuta al fatto che, oggi, i problemi di erezione sono molto comuni anche fra i giovani e non solo fra gli uomini di mezza età: secondo uno studio del Journal of American Medical Association (https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/188762), il 7% degli individui compresi fra 18 e 29 anni non è in grado di ottenere un’erezione performante e soddisfacente.

Fra stress, abitudini dannose come il fumo e altri fattori organici e non, al momento quello dell’impotenza è un problema molto dibattuto. E i farmaci, spesso, vengono presentati come la soluzione definitiva.

Come funzionano i farmaci per l’impotenza?

Oggi troviamo una vasta mole di marchi e di farmaci per curare la disfunzione erettile, come ad esempio il famoso Viagra, il Levitra, il Cialis e lo Stendra. Al di là dei nomi più o meno evocativi, questi farmaci vengono accomunati dal fatto di essere inibitori della PDE5 : questo significa che funzionano rilassando i vasi sanguigni, permettendo al sangue di raggiungere il pene e causando così l’erezione.

Secondo le statistiche, queste pillole vengono ad oggi utilizzate da circa i due terzi degli individui sofferenti di disfunzione erettile (DE). Inoltre, ne fanno uso anche quei ragazzi con problemi di impotenza dovuti a bassa auto-stima, che necessitano di una “spintarella” per avere maggiore fiducia in loro stessi.

Fra le altre cose, questi farmaci contro la disfunzione erettile riducono anche il periodo di recupero fra un orgasmo e l’altro: in altri termini, fungono da supporto anche per coloro che soffrono di eiaculazione precoce.

Il motivo è dovuto al fatto che la possibilità di ottenere una nuova erezione a breve termine aumenta. Infine, farmaci come il Cialis hanno modificato anche le abitudini: le pillole non vanno più prese 1 o 2 ore prima del sesso (come succede col Viagra o col Levitra ad esempio), perché hanno una azione a costante rilascio.

Quali sono gli effetti collaterali di queste pillole?

Le pillole per la disfunzione erettile sono farmaci e, come ogni farmaco, hanno anche loro alcuni effetti collaterali dipendenti dalle loro sostanze attive (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10962318): questo naturalmente vale sia per il Viagra che per il Levitra o il Cialis. Nello specifico, i suddetti farmaci contro l’impotenza possono causare mal di stomaco, reflusso intestinale, mal di testa, senso di vertigine, vampate al viso, naso che cola e una alterazione momentanea del gusto.

Com’è ovvio che sia, gli uomini tendono a non farci caso, soprattutto quando il farmaco dimostra di funzionare. Questo comunque non toglie che bisogna fare attenzione agli effetti collaterali: per diminuirli, è sempre il caso di prendere dosi molto basse, indicate per la propria situazione sessuale. Va comunque specificato che questi farmaci non creano dipendenza fisica: quella psicologica, però, è molto forte.

Quali sono le cause della disfunzione erettile?

Se si parla di cause organiche, spesso l’impotenza è dovuta a patologie quali le malattie cardiache, il diabete, l’ipertensione e il colesterolo alto. In pratica, qualsiasi malattia restringa i vasi sanguigni può causare un danno alle erezioni, impedendo al sangue di raggiungere i corpi cavernosi del pene in modo efficace.

Non a caso, gli uomini che soffrono di forme gravi di impotenza hanno il 35% di possibilità in più di essere ricoverati per una malattia cardio-circolatoria. Poi, le altre cause sono molto complesse da analizzare, perché affondano le radici in problemi psicologici molto profondi.

Esistono rimedi non farmacologici funzionanti?

Detto delle pillole farmacologiche, non esistono solo loro: l’impotenza, infatti, può essere anche trattata con rimedi non farmacologici che dimostrano di funzionare, seppure in modo diverso.

Spesso si tratta di integratori naturali che includono vitamine ed estratti fitoterapici (piante), e che agiscono ad un livello organico: questo significa che migliorano gradualmente la salute del corpo, aumentando di riflesso la capacità dei vasi sanguigni di aprirsi per accogliere il sangue.

Non funzionano se presi 1 o 2 ore prima del rapporto sessuale: questi integratori, infatti, vanno assunti quotidianamente per settimane. Di contro, il loro effetto dura fino a quando si continua a mantenere alto il livello di queste sostanze naturali nel corpo.

Come combattere l’impotenza senza farmaci?

Le sostanze naturali contro l’impotenza sono utili, ma hanno bisogno anche di una serie di routine positive. In sintesi, il corpo deve migliorare il proprio stato di salute anche con un repentino cambio di abitudini di chi soffre di disfunzione erettile. Oppure puoi provare altri rimedi utilizzati per combattere le difficoltà di erezione nell’uomo.

Come combattere la DE senza usare farmaci, dunque? Innanzitutto eliminando le sigarette, molto dannose per la dilatazione dei vasi sanguigni. Poi, è anche il caso di dimagrire: gli individui in sovrappeso, per via dell’ipertensione e della pressione sanguigna alta, hanno una ridottissima capacità di vasodilatazione.

Si dovrebbero anche ridurre gli alcolici, perché hanno un forte impatto negativo sull’erezione. Altri metodi per affrontare l’impotenza senza pillole farmacologiche?

Stare attenti agli altri farmaci assunti e controllare sempre le controindicazioni, perché alcuni di essi possono interferire con l’erezione e con l’eccitamento sessuale: questo è ad esempio il caso del Prozac, che contiene beta-bloccanti e tiazine.